Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – “Dimissioni della Clemente”. Sul piede di guerra i sindacati degli inquilini e assegnatari che chiedono il ritiro della delega al Patrimonio conferita all’assessore del Comune di Napoli, Alessandra Clemente. Lo fanno con una lettera arrivata in queste ore sul tavolo del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e del Prefetto. 

“In più di una occasione –scrivono SUNIA SICET UNIAT ASSOCASA – abbiamo manifestato la nostra piena insoddisfazione per l’atteggiamento dell’assessore al patrimonio Alessandra Clemente la quale, nonostante le numerose richieste di incontro prodotte dal suo insediamento ad oggi, non ha mai ritenuto incontrare le rappresentanze sociali”.

Goccia che fa traboccare il vaso l’incontro fissato per stamattina e rinviato poche ore prima. “Clemente dimostra così ancora una volta la totale insensibilità alle gravi problematiche del patrimonio comunale, ove si registrano gravissime inadempienze che stanno provocando enormi disagi all’utenza e seri danni alle finanze pubbliche” .

Stanchi di “assistere passivamente ad una completa assenza dell’assessore al ramo che inevitabilmente si è tradotto in un totale immobilismo da parte del Comune sulle politiche per l’ERP” i sindacati hanno chiesto un incontro al sindaco per discutere delle gravi problematiche della gestione del patrimonio comunale, chiedendo sin da ora di ritirare la delega alla Clemente e di assegnarla ad un altro componente della giunta.