Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Salgono a tre i casi di cornavirus in Campania e l’ANM intensifica i lavori di pulizia e disinfestazione dei mezzi pubblici per garantire la sicurezza. Blocco per pulizia del 40% dei bus ANM del deposito di Carlo 3.

Dopo i lavori avviati ieri (Leggi qui), altre linee sono state soppresse per permettere la pulizia dei mezzi: 147 – 185 – 167 – C52 – E6 – C87 – C76. Le altre tratte hanno subito forti ritardi, fatta eccezione per il servizio filoviario dove i filobus risultavano coerenti con i livelli di pulizia attesi.

Continuano le attività di verifica da arte dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza di ANM per constatare l’avvenuta pulizia e disinfezione dei mezzi, oltre il 40% delle vetture esaminate, questa mattina, non sono risultate in regola con le attività di pulizia giornaliera prevista dal capitolato di appalto.

“Tutti i mezzi – dichiarano i RLS – sono sprovvisti di opportune e chiare informazioni circa l’avvenuta sanificazione nel rispetto del diritto degli utenti, inoltre, nessuna informazione è stata fornita al personale circa i rischi collegati alle infezioni virali e sulle modalità da adottare per prevenire eventuali contagi, anche attraverso la distribuzione di appositi DPI o disinfettante per le mani. Lamentiamo – continuano i RLS – l’assenza di trasparenza utilizzata circa il piano d’intervento e sulle attrezzature utilizzate per la sanificazione dei mezzi e degli ambienti di lavoro. L’assenza di concreti piani operativi ed organizzativi da parte dell’ANM determina forti preoccupazioni e malumori tra il personale di front-line, esasperando la non facile situazione visto il susseguirsi delle informazioni sul coronavirus. Le risultanze delle verifiche saranno comunicate, anche oggi, ai responsabili aziendali ed all’amministratore unico, nonché all’assessore competente ai trasporti del Comune di Napoli. Bisogna massimizzare il livello di prevenzione per garantire la salute dei lavoratori e dei pendolari dal rischio infezioni – concludono i RLS”.