Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Sulla campagna di vaccinazione registro un tono trionfalistico fuori luogo. La Campania non ha fatto meglio di altre regioni, anzi non ha buoni numeri e bisogna fare di tutto perché i ragazzi possano tornare a scuola“. Cosi Stefano Caldoro, capo della opposizione di centrodestra in Consiglio regionale della Campania, risponde al VG21 ad una domanda su De Luca che ha ipotizzato il rinvio dell’inizio dell’anno scolastico.
Abbiamo tenuto le scuole chiuse più di ogni altra parte d’Italia, più di ogni altro Paese d’Europa. Non bisogna dare spazio – ha aggiunto – a queste uscite propagandistiche ma ai fatti, ai numeri. Vale per la scuola come per la sanità. In Campania, esauriti i tetti di spesa e i cittadini devono pagarsi le cure”.
Caldoro, intervistato anche dal direttore Ambrosino che ha sollecitato su alcuni pezzi del centrodestra e Forza Italia passati con Manfredi, ha aggiunto “un pezzo del mondo moderato ha scelto Manfredi e la sinistra, non credo sia una buona scelta coerente. Il tema, non è il giudizio personale, ma la considerazione sulle conversioni preelettorali: mi convincono poco. Detto questo Manfredi è persona di qualità ma dietro c’è l’armata brancaleone con De Luca in testa, con accordi pochi chiari” Caldoro è tornato poi a denunciare il finto civismo “Hanno un senso le liste dei sindaci, le autentiche espressioni dell’associazionismo insieme e con loro quelle dei partiti.
Bisogna diffidare delle liste elettorali, di potere, senza idee che nascono con il solo scopo di eleggere un consigliere”.