Tempo di lettura: < 1 minuto

Napoli – In attesa del ritorno agli allenamenti e alla normalità tanto attesa, Aurelio De Laurentiis dopo aver messo in Cassa integrazione 15 dipendenti del settore amministrativo, ha deciso di congelare gli stipendi dei giocatori.

L’edizione odierna de La Repubblica parla del caso stipendi in casa Napoli: “Il club si è limitato a congelare quello in pagamento a inizio aprile e farà lo stesso col prossimo, intorno al 10 maggio. Il regolamento consente del resto i pagamenti differiti fino a tre mesi e la maggior parte delle società della Serie A si avvale abitualmente di questa possibilità. L’unica precauzione è di non superare mai i paletti che farebbero scattare la messa in moraA Castel Volturno invece i “ritardi” sono una eccezione con pochissimi precedenti e c’è voluta la pandemia per causare l’attuale e inedita situazione di stallo: a cui peraltro stanno contribuendo con le loro strategie anche i calciatori“.