Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – “Ogni volta che i portavoce dei cittadini nelle istituzioni restituiscono soldi pubblici per fare il bene della collettività sento che davvero l’Italia può farcela, che le energie migliori di questo Paese possono far prevalere i valori di legalità e onestà. Questa è una potente arma sociale e culturale contro la mala politica. Oggi ringrazio in particolare i consiglieri del MoVimento 5 Stelle in egione Campania che, tagliandosi gli stipendi, hanno raccolto i fondi necessari per donare un ecografo di ultima generazione e due concentratori di ossigeno all’ospedale Loreto Mare di Napoli. I miei corregionali purtroppo sanno bene che spesso in Campania il diritto alla salute non viene garantito. Sanno bene che da noi la sanità è commissariata anche e soprattutto a causa del controllo esercitato dalla politica a fini clientelari e della conseguente corruzione. A questa decadenza morale noi rispondiamo con gesti concreti che hanno lo scopo di aiutare la comunità e di ripristinare quel rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni che i partiti hanno polverizzato“. Queste le parole di Luigi Di Maio, il grillino in corsa alla premiership.

Il vice presidente della Camera non vedeva l’ora di dirlo, la donazione all’ospedale Loreto Mare di Napoli di attrezzature sanitarie, per un valore di 33 mila euro, frutto del taglio degli stipendi dei consiglieri regionali campani del MoVimento 5 Stelle, lo riempie d’orgoglio.