“Diego Maradona”: il Re di Napoli prigioniero della sua stessa città (VIDEO)

Tempo di lettura: 2 minuti

 

Sarà presentato in anteprima all’edizione 2019 Festival di Cannes, al via il prossimo 14 maggio, il nuovo docu-film su uno dei più geniali, amati e controversi campioni di tutti i tempi: “Diego Maradona”, firmato da Asif Kapadia, con interviste esclusive e immagini tratte dal suo archivio personale di oltre 500 ore di filmati mai visti prima. Il film narra la storia di uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi. Il documentario arriverà in anteprima al Festival di Cannes (Fuori Concorso) e sarà poi distribuito nei cinema italiani a settembre da Nexo Digital e Leone Film Group.

La trama – Agli inizi degli anni Ottanta, non avendo mai vinto lo scudetto, la Società Sportiva Calcio Napoli viveva un periodo particolarmente difficile, vantando però una tifoseria senza eguali per passione e dimensioni. Poi, il 5 luglio 1984, Maradona arrivò al Napoli con un ingaggio record e per sette anni scatenò l’inferno. Il genio assoluto del calcio mondiale e la città più imprevedibile d’Europa si dimostrarono un connubio perfetto: Diego Maradona era stato benedetto sul campo e trattato come un Dio fuori di esso. Il carismatico argentino trascinò infatti il Napoli al suo primo scudetto. Era il 1987 e quello fu un evento epocale. Ma c’era un prezzo da pagare perché, finché fece miracoli in campo, a Diego fu concessa ogni cosa, ma quando la magia svanì, divenne prigioniero della sua stessa città.