Tempo di lettura: 3 minuti

Napoli – Per la quarantesima edizione Rassegna Estate a Napoli 2019, promossa dal Comune di Napoli – Assessorato alla Cultura e al Turismo, nell’evocativa ed iconica struttura Chiostro del Convento di San Domenico Maggiore di Napoli, andrà in scena la Danza.

Lo spettacolo di danza contemporanea “Le Nuove Dee, per una mitologia del quotidiano”,  sarà in programma nei giorni 18, 19 e 20 luglio.

La sublime capacità espressiva della danza, raggiunge le vette del linguaggio comunicativo, attraverso il racconto, è il caso di questo allestimento, di cui Flavia Bucciero e Francesca Selva sono le coreografe, in cui si raccontano le Donne, definite nel titolo Nuove Dee. Si parla dunque dell’emisfero femminile, in tutte le sue complesse sfaccettature. Le protagoniste dello spettacolo sono le donne di oggi, coloro che si mettono in gioco e che non si arrendono davanti alle difficoltà, sono madri e figlie, sono combattive e forti, sono profughe che combattono a mani nude una battaglia impari contro gli attacchi del destino avverso. Le donne viste attraverso gli occhi di questa rappresentazione, hanno il coraggio di difendere, di accogliere e comprendere, sono sulla linea di confine a fare da battistrada nei nuovi sentieri, a superare ogni differenza con la capacità di aprirsi e di donarsi. Sono pertanto quelle che provano a reagire contro le ingiustizie dell’umanità e purtroppo le prime a subirle.

Il calendario di spettacoli ha una struttura composta da performances site-specific, che si svolgeranno alle 17.00, 18.00, 19.00 ed eventi serali che avranno luogo alle 21.30, a cura del Consorzio Coreografi Danza d’Autore.

La  regista e coreografa di origine napoletana Flavia Bucciero, porterà in scena lo spettacolo “Io Chiara Tu Scura” interpretato dalle danzatrici Paloma Biagioli e Elisa Paini. Una intensa e vibrante riflessione sul tema del dialogo fra culture diverse, affrontato attraverso la storia di un incontro molto speciale tra due giovani donne: una di carnagione scura, l’altra chiara, europea. Chi è straniera e chi è autoctona? Chi è nel suo paese e chi è ospite? Ci si domanda durante tutto lo spettacolo che con grande sensibilità ed eleganza accende i riflettori su ciò che unisce e non su ciò che divide nell’era della globalizzazione che tutti fonde e confonde.

Piccole Storie #1 e #2 è uno spettacolo firmato dalla coreografa italo-francese Francesca Selva. La protagonista – la danzatrice Maria Vittoria Feltre – mette in scena in due tempi, un dialogo interiore che diventa anche fisico con la madre. In “Piccola storia di lana”, Il nido di lana rappresenta il ricordo del ventre materno, il desiderio di ritrovare quel legame che una volta spezzato ti lascia per un pò senza fiato. Desiderio che si materializza poi in “Piccola storia di plastica”, dove la protagonista che nel frattempo è diventata una “cattiva ragazza” (forse una prostituta?), si ritrova a chiedere perdono. L’asfalto lucido della strada, luci artificiali della notte, restano sullo sfondo di una appassionata e vibrante confessione. Ad ascoltare Mercy è solo il mare. 

Gli spettacoli sono realizzati con il disegno luci di Riccardo Tonelli. Il Consorzio Coreografi Danza d’Autore Con.Cor.D.A. è un organismo di danza con sede in Toscana e un’unità locale a Napoli. E’ sostenuto  dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e dalla Regione Toscana come Residenza Artistica. Le produzioni di Con.Cor.D.A. vengono presentate in Festival e Teatri in Italia e all’estero.

La Rassegna Estate a Napoli, si esprime attraverso i linguaggi multipli della cultura, vestendo questa volte gli eterei costumi dell’arte tersicorea, muovendosi con la potente forza evocativa della danza contemporanea.

Emanuela Zincone