Tempo di lettura: 2 minuti

Vita stroncata da un malore improvviso quella di Roberto Morfè, 40 anni, sottufficiale  di Marina impegnato in una missione italiana a Baghdad, in Iraq, con il ruolo di Capo di Prima Classe. Originario di Casoria, sposato con un figlio piccolo e tifosissimo del Napoli, il militare è stato colto da un infarto che non gli ha lasciato scampo nonostante le cure del personale sanitario.

La moglie e i familiari del militare hanno ricevuto assistenza da un nucleo di supporto composto dal personale sanitario del Comando Logistico di Napoli della Marina Militare e dal Cappellano militare dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli. Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli, a nome delle Forze Armate e suo personale, ha espresso ai familiari e ai colleghi della Marina Militare profondo cordoglio per la scomparsa di Marfé.

Sulla tragedia è intervenuto anche il ministro della Difesa Lorenzo Guerini: “La scomparsa improvvisa e prematura di un giovane sottufficiale impegnato in una missione italiana in Iraq, per portare pace e stabilità, rappresenta una perdita incolmabile per la sua Famiglia, per le Forze Armate e per l’Italia tutta. In questo momento – ha aggiunto – voglio esprimere alla famiglia di Roberto e alla Marina Militare Italiana le più sentite condoglianze di tutto il personale della Difesa e mie personali”.