Tempo di lettura: < 1 minuto

Portici (Na) – Una scena da film horror si è registrata questa mattina a Portici, nel Vesuviano, quando, nei pressi del cimitero, in via Siani, un automobilista ha notato un auto danneggiata ferma in strada. Da lì la scoperta agghiacciante, all’interno della vettura c’era un uomo di 30 anni morto sul sedile.

L’uomo, un vigile urbano del vicino comune di San Giorgio a Cremano, è stato ritrovato con addosso la sua pistola d’ordinanza, con essa, a quanto si ipotizza dalle primissime ricostruzioni si sarebbe tolto la vita con un colpo in testa.

A quanto riporta Il Mattino, l’uomo, residente nel vicino comune di Ercolano, prima del gesto estremo avrebbe effettuato una telefonata, intorno alle 7 di questa mattina, poi successivamente avrebbe mandato un messaggio ai suoi colleghi per avvisare che oggi non si sarebbe recato al comando.

Una tragedia che colpisce tutta la comunità del Miglio d’Oro, da Ercolano, dove il 30enne abitava fino al comune sangiorgese dove prestava servizio. Sul caso ora indagano i militari dell’Arma. Gli stessi stanno ricostruendo, tramite il telefono dell’uomo, gli ultimi momenti del vigile.