Tempo di lettura: 2 minuti

Quattro persone sono state arrestate dai carabinieri per detenzione di droga ai fini di spaccio, all’interno di un appartamento adibito a laboratorio per taglio e confezionamento di sostanze stupefacenti a Pomigliano d’Arco (Na).

Si tratta di una coppia di incensurati, un 27enne ed una 21enne, e di due persone delle palazzine della legge 219 di Brusciano, già note alle forze dell’ordine, entrambi 34enni. I due sono il fratello e la moglie di un 36enne in carcere dalla scorsa primavera con le accuse di sequestro di persona e lesioni aggravate ai danni di una ventenne. Nell’appartamento dei due incensurati, i carabinieri hanno trovato, all’interno di un camino e di una bombola di gas, più di 3 chili di hashish e quasi un chilo di marijuana suddivisi in dosi e pronti per la vendita.

I militari hanno sottoposto a sequestro anche ingente materiale per il confezionamento. La perquisizione è scattata dopo diversi giorni di osservazione, e gli uomini dell’Arma hanno trovato un vero e proprio laboratorio artigianale per il taglio ed il confezionamento della droga. La merce è stata trovata in una fessura ricavata nel camino coperta da una lastra di marmo rimovibile che permetteva di prendere la droga facilmente, e all’interno di una bombola di gas, bucata alla base.