Tempo di lettura: 2 minuti

Torre Annunziata (Na) – Tre persone arrestate per droga, stupefacente sequestrato e sanzioni per il possesso di prodotti ittici potenzialmente pericolosi per la salute. È il bilancio di un servizio ad ”’alto impatto’‘ svolto nel rione Provolera a Torre Annunziata (Na) dai carabinieri della locale compagnia insieme agli uomini della Capitaneria di Porto. Target principale dell’operazione, la tutela del consumatore: sono infatti stati effettuati controlli agli esercizi commerciali, in particolare presso le pescherie.

I militari hanno ispezionato un’attività commerciale a piazza Cesaro, dove sono stati sequestrati 150 chili di prodotti ittici non tracciati, mentre il titolare è stato sanzionato per complessivi 2.500 euro. Stessa sorte per una pescheria di via dei Mille, dove le forze dell’ordine hanno rinvenuto e sequestrato 26 chili di merce. Ispezionata, infine, anche un’attività di pesca a via del Principio, dove sono stati trovati e sequestrati 93 chili di prodotti ittici non tracciati e mal conservati.

Per il titolare la multa è stata di 6.000 euro. Durante le operazioni nel quartiere, i carabinieri hanno arrestato marito e moglie di 35 e 33 anni, entrambi già noti alle forze dell’ordine. I carabinieri hanno perquisito l’abitazione dove l’uomo era sottoposto agli arresti domiciliari e hanno rinvenuto e sequestrato 16 grammi di marijuana già suddivisa in dosi, materiale per il confezionamento e un bilancino di precisione. In manette è finito anche un 29enne, anch’egli già noto alle forze dell’ordine.

Nella sua abitazione trovati quasi 20 grammi di marijuana nascosti in un barattolo per le conserve, insieme a 2.555 euro in contanti dei quali ha tentato inutilmente di disfarsi gettandoli dalla finestra. Non aveva messo in conto che, appostati sotto casa, ci fossero altri carabinieri che hanno notato la scena e recuperato il barattolo. Nella cucina del giovane infine sono stati rinvenuti e sequestrati altri 15 grammi di cocaina e un bilancino di precisione. I tre arrestati sono stati tutti portati in carcere in attesa di giudizio.