Tempo di lettura: 6 minuti

Napoli – Due voci e una chitarra in totale armonia, tra musica swing, canzoni classiche napoletane, macchiette popolari e una grande teatralità.  Spopolano sul web, si chiamano Viviana Cangiano e Serena Pisa insieme formano il duo EbbaneSis e mixano lo swing con la musica popolare napoletana, una coppia giovane che sta riscuotendo un bel successo. Dopo aver pubblicato alcuni video sui rispettivi profili social decidono di aprire una pagina Facebook, supportate da alcuni addetti ai lavori e da lì sono nate nuove opportunità.

Serenvivity: si chiama così il primo disco, che è un album che racchiude i loro brani più riusciti.  In tre mesi i “mi piace” su Facebook sono stati più di 15 mila.  Il progetto è nato sul web e le due ragazze sono la rivelazione musicale dell’ultimo anno, con mezzo milione di views della loro riedizione di “Carmela”. Dietro il loro successo una grande gavetta e la voglia quotidiana di migliorarsi costantemente. Il nome nasce dalla parola che unisce due termini della parlesia, ” ‘e bbane”, cioè i soldi, e “sis”, sorelle. La parlesia è un linguaggio in codice dei musicisti e teatranti napoletani che se lo tramandano dal 1700. Uniscono il loro talento alle loro conoscenze teatrali e a una tecnica vocale spaventosa. 

Come è nato questo sodalizio artistico e chi ha proposto questo progetto canoro sul web?                                                                                                                                                           

“Ci conosciamo da sei anni. Inizialmente abbiamo fatto spettacoli insieme, sia come attrici e in veste di cantanti. Così siamo diventate amiche e in macchina tra un’uscita e l’altra abbiamo iniziato a cantare insieme per gioco, scoprendo così di avere due voci che si sposano bene. Un anno e quattro mesi fa abbiamo pubblicato un video senza pretese sui nostri profili personali; hanno avuto molto successo e alcuni colleghi ci hanno consigliato di creare una pagina web”.

Cosa significa “EbbaneSiS” e che rapporto avete con la musica napoletana?

“I nostri primi concerti con la collaborazione di altri musicisti e altri cantanti prevedevano un repertorio di sole villanelle del 600 per cui il nostro rapporto con la musica napoletana è molto molto profondo. Abbiamo entrambe molto rispetto per la musica in generale e per la natura di qualsiasi brano eseguiamo. Per quanto riguarda il nome del duo, volevamo rifarci alla “parlesia” ( un linguaggio in codice che i musicisti utilizzavano per parlare tra loro e non farsi capire). La parlesia è formata da un elenco di parole lunghissimo tra cui “‘e ‘bbane” che significa “i soldi”. Ci piaceva per il suono, legato a “sis” che è il diminutivo di sisters , perché nella vita siamo molto amiche.  Alla base, insieme all’aspetto ludico c’è anche studio e preparazione.

Dove nasce l’idea di rivisitare questi pezzi in chiave moderna e contemporanea?                                                                                                                                                                                 

“Il nostro progetto non nasce da un progetto- scherzano le sister. Il nome è per l’appunto “Serenvivity”, derivante da serendipity, serendipità: la capacità di fare scoperte totalmente inattese. È quello che è successo e che succede costantemente a noi: con alla base uno spirito molto molto ludico nasce un’idea, ci piace, proviamo, riproviamo, proponiamo l’una all’altra delle cose e nasce il tutto in maniera molto molto spontanea ma dietro tutto questo c’è anche studio e preparazione”.

Siete un prodotto che è piaciuto fin da subito alla gente, secondo voi qual è l’ingrediente giusto che vi ha portato fin qui?                                                                                                 

“Non sappiamo esattamente l’ingrediente giusto del nostro piccolo successo, il riscontro del pubblico è vario. Noi crediamo sia il feeling che ci lega, la nostra amicizia, e il nostro aspetto ludico ma non superficiale che crediamo sia molto evidente”.

Qual è stato il video che vi è piaciuto di più e quello che ha avuto maggiore successo?                                                                                                                                                                         

“Il video che ha avuto più successo è stato quello in cui cantiamo “Ragione e Sentimento” da noi intitolato “Scema” che ha superato i 21.000 like e il milione e mezzo di visualizzazioni. Non c’è un video che preferiamo, ci piacciono tutti”.

Quali sono i vostri progetti futuri?                                                                                                                                                                                                                                                                                           

“Uno dei nostri progetti futuri è un nuovo disco. Il secondo. Magari composto da tutti inediti e qualche collaborazione. Prossima tappa: il videoclip di uno dei nostri tre inediti”.