Tempo di lettura: 2 minuti

Capri (Na) – In molti hanno scelto Capri come meta delle proprie vacanze in questa prima estate in cui il Coronavirus circola ancora liberamente e, per evitare l’aumento dei contagi, l’amministrazione dell’isola ha decido di rendere obbligatorio l’uso della mascherina non solo nei luoghi chiusi ma anche all’aperto.

Per far fronte a questa necessità, è nata l’iniziativa “Respira Capri” lanciata dall’amministrazione comunale di Capri e Federalberghi Isola di Capri per distribuire nel fine settimana 3000 mascherine ai turisti che soggiorneranno negli alberghi dell’isola.

L’iniziativa nasce dopo l’ordinanza del Comune di Capri che impone l’uso della mascherina nelle aree del centro storico in tutti i weekend, dalle ore 18 alle ore 4 del mattino successivo fino a metà settembre.

L’iniziativa è stata ideata per consentire l’ingresso in Piazzetta, nelle strade dello shopping di Capri e dei luoghi di ritrovo agli ospiti che raggiungeranno l’Isola azzurra per il weekend, sprovvisti o scarsamente dotati del dispositivo sanitario di sicurezza.

Respira Capri è un invito a vivere la nostra isola anche attraverso lo schermo di sicurezza della mascherina nelle ore in cui l’uso del dispositivo è reso obbligatorio, a salvaguardia della salute collettiva, di isolani e degli stessi turisti”, spiega Sergio Gargiulo, presidente di Federalberghi Isola di Capri.

Dai rilievi effettuati dalle forze dell’ordine lo scorso week end, il primo per il quale era valida l’ordinanza, abbiamo notato un grande spirito collaborativo dei turisti ma c’è comunque chi arriva a Capri all’oscuro delle direttive delle amministrazioni. Le mascherine distribuite da Federalberghi vogliono far si che chiunque possa essere in grado di circolare senza limiti anche la sera, di sentirsi veramente a Capri e di respirare Capri, vivere il suo centro storico, i luoghi più iconici e partecipare alla movida serale”, conclude Gargiulo.

Le 3000 mascherine saranno distribuite agli ospiti direttamente in hotel con le indicazioni sui luoghi e gli orari in cui l’uso è obbligatorio.