Tempo di lettura: 3 minuti

Napoli – Il telefono è squillato oggi, in piena controra. Dall’altro capo del filo Giovanni Donzelli, responsabile organizzazione nazionale di Fratelli d’Italia. “Signori, a Napoli corriamo da soli. Sergio Rastrelli è il nostro candidato sindaco. Giorgia Meloni la nostra capolista”.

E’ questa la telefonata arrivata poco fa ai maggiorenti di Fratelli d’Italia a Napoli. Tutti chiamati a scendere in campo. Ad esclusione di chi – leggi il capogruppo alla Regione Michele Schiano e il consigliere comunale uscente Marco Nonno – nelle prossime settimane sarà impegnato a chiarire la propria posizione in vicende giudiziarie.

Questo è l’input che arriva da Roma, quindi. Se non già consumato, lo strappo tra Catello Maresca e Fratelli d’Italia è davvero a un millimetro.

Questo, dopo che anche Forza Italia, nei giorni scorsi, aveva mostrato più che un mal di pancia di fronte all’ambiguità con la quale l’ex pm della Dda continua ad atteggiarsi verso i partiti che costituiscono la coalizione. 

I forzisti avevano avuto l’indicazione da parte di Maurizio Gasparri e Licia Ronzulli di attendere ancora questo weekend per verificare se con Maresca le cose potessero migliorare.

Ma, alla prova dei fatti, le cose sembrano solo peggiorare. E il sondaggio Winpoll pubblicato oggi da Il Mattino non ha fatto altro che rendere più consapevoli i partiti del fatto che l’ex pm sponsorizzato da Mara Carfagna porta con sè una dote assai magra: ben al di sotto di quel valore aggiunto elettorale che pure ci si sarebbe atteso.

Tanto vale, quindi, tentare un’altra strada. Ormai, il centrodestra romano e napoletano ne è sempre più convinto.

Visto anche il dato dello stesso sondaggio Winpoll secondo cui Maresca perderebbe al ballottaggio con entrambi i suoi principali competitor: Manfredi (62,6% a 37,4%) e Bassolino (52,2% a 47,8%). 

Ce n’è abbastanza, quindi, per i coordinatori cittadini di Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega, anche per firmare questa nota unitaria: “Il sondaggio evidenzia un dato politico importante: il contributo dei partiti del centrodestra nella corsa alle amministrative a Napoli sarà determinante – spiegano Severino Nappi (Lega), Fulvio Martusciello (Forza Italia) e Andrea Santoro (Fratelli d’Italia) – E’ giunto il momento di affrontare la campagna elettorale risaltando i valori del centrodestra. Noi siamo pronti a dare un contributo senza ulteriori indugi”.

Come dire: nella controra, è scattato ‘l’ultimo ultimatum’. Ma qualcuno, rispondendo al telefono a Donzelli, poco fa, ha già rilanciato: “Perché Giorgia Meloni non si candida proprio a sindaco di tutta la coalizione?”