Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – “L’intesa tra Comune di Acerra e Università Federico II di Napoli che vede 40 studenti di architettura federiciani impegnati in progetti destinati alla nostra città rappresenta un simbolo di grande speranza per il futuro. Tra i futuri architetti che elaboreranno per la loro tesi di laurea progetti con studi di fattibilità ci sono due studenti di Acerra, un valore aggiunto per lavorare sul  recupero di spazi e di edifici, per realizzare aree verdi e piste ciclabili e per la riqualificazione del centro storico con una squadra di professionisti composta anche da giovani che conoscono a fondo la città”. Lo ha dichiarato, in una nota, Antonio Laudando, Presidente della I commissione Politiche scolastiche del consiglio comunale di Acerra e direttore regionale Enasc.

“Così come spiegato dall’Architetto Adriana Bernieri della Federico II, gli studenti saranno impegnati sul territorio della città a 360 gradi, un territorio ricco dal punto di vista delle possibilità trasformative perché offre diversi paesaggi da quello ferroviario, a quello archeologico, al centro  storico. Naturalmente grazie all’approccio di queste giovani menti, tutti i lavori saranno programmati con un’attenzione fortissima al tema ambientale. Istituzioni e Università – ha concluso Laudando – insieme per creare un progetto di civiltà e crescita. Un primo passo anche per lasciarsi alle spalle due anni di chiusure e sacrifici”.