Tempo di lettura: 3 minuti

Capri (Na) – “Attendiamo che si compiano tutti gli atti dovuti e continuiamo a far sentire la nostra vicinanza alla nostra famiglia del giovane autista. Sul pennone del Comune resta la bandiera a mezz’asta in segno di lutto“. Così il sindaco di Capri Marino Lembo dopo le prime anticipazioni sull’autopsia sul corpo di Emanuele Melillo. Intanto il sindaco e la Provincia si stanno adoperando per consentire l’apertura della strada che conduce da Marina Grande in Piazzetta studiando soluzioni alternative per evitare il blocco totale del movimento veicolare.

Una delle ipotesi che abbiamo preso in considerazione – dice Marino Lemboè quella di creare una doppia corsia lungo il rettilineo dell’incidente, installando dei guardrail in cemento mentre per l’accesso alla spiaggia potremmo utilizzare la scala comunale che sfocia nella spiaggetta detta della Scogliera e lasciare libero il transito lungo la battigia di tutta la spiaggia libera poiché non si tratta di una zona a rischio. Resta sotto sequestro il tratto di marciapiede dove si è incastrato il bus nella sua caduta così come l’area retrostante lo stabilimento Ondina che può continuare tranquillamente la sua attività“.

Intanto l’estate caprese continua la sua ascesa, in questo fine settimana, tra venerdì e le prime ore di sabato, sono sbarcati a Capri 14400 passeggeri e ne sono ripartiti 6700 venerdì sera e circa 1500 fino alle ore 15.00 di sabato pomeriggio. Numeri che fanno ben sperare per il prosieguo della stagione dell’isola dichiarata covid free, dove è stato vaccinato quasi l’80% degli abitanti residenti a cui vanno aggiunti gli operatori dei vari settori che non vivono a Capri.

Anche Federalberghi dichiara la sua soddisfazione nel comunicare l’esito dei primi tre mesi del progetto “Safe Hospitality” Oltre mille i tamponi rapidi antigenici e più di 600 quelli molecolari che sono stati effettuati fra i mesi di maggio e luglio ai turisti stranieri arrivati a Capri nelle strutture associate a Federalberghi Isola di Capri e aderenti al progetto che l’associazione degli albergatori presieduta da Sergio Gargiulo ha portato avanti con Bourelly Health Service e Beside per realizzare le necessarie condizioni di sicurezza sanitaria fondamentali per la ripartenza dell’economia ed in particolare della stagione turistica.

I controlli hanno permesso l’individuazione di 9 casi asintomatici tempestivamente segnalati alle autorità competenti a tutela di ospiti, operatori turistici e cittadinanza, gestiti attraverso isolamento e controllo sistematico dei parametri vitali ogni 4 ore. In termini di prevenzione le strutture ricettive aderenti al progetto effettuano uno screening sul personale ogni 15/20 giorni con sanificazione giornaliera, attività che sono state intensificate dopo la segnalazione delle positività. Il protocollo sanitario mette a disposizione degli alberghi anche un’auto elettrica e 2 operatori sempre attivi in caso di necessità e gli stessi mezzi sono stati messi a disposizione ed impiegati anche in occasione del tragico incidente del bus precipitato giovedì mattina nella scarpata della spiaggia di Marina Grande.