Tempo di lettura: 2 minuti

Ischia (Na) – Manca pochissimo all’inizio della diciottesima edizione dell’Ischia Film Festival, l’evento internazionale dedicato al mondo del cinema che si terrà nella suggestiva location del Castello Aragonese di Ischia.

Dal 27 giugno al 4 luglio l’evento, che si concentrerà sul legame tra cinema e location, vedrà la partecipazione di numerosi ospiti amatissimi dal pubblico del piccolo e del grande schermo.

Candidato ai David di Donatello come migliore attore non protagonista de “Il sindaco del rione Sanità”, sbarca sull’isola Francesco di Leva il 27 giugno. A seguire Lillo Petrolo il 28 giugno con “D.N.A. – Decisamente non adatti” che ha diretto con Claudio Gregori e Nando Paone il 29 giugno con “Il ladro di Cardellini”.

Attesissimo per il 30 giugno l’incontro con gli attori del cast “L’Amica Geniale – Storia del nuovo cognome”, Gaia Girace, Margherita Mazzucco, Giovanni Amura e Francesco Serpico.

Il 1 luglio è invece attesa Susy Laude con “Gli uomini d’oro” mentre il 2 luglio ci sarà Giampaolo Morelli con il suo esordio da regista “7 ore per farti innamorare” seguito il giorno dopo da Alessandro Roia con “Si muore solo da vivi”.

Infine, direttamente dal set di Gomorra prima e L’immortale dopo, Marco D’amore arriva il 4 luglio nelle vesti di regista a chiudere la kermesse.

«Siamo orgogliosi di poter annunciare la presenza dal vivo dei nostri ospiti di quest’anno, va a loro un sentito ringraziamento”, dichiara Michelangelo Messina, direttore artistico del festival. “Un ringraziamento va a tutta la macchina organizzativa che non si è fermata in periodo di Covid ed ha potuto completare la valutazione delle 700 opere giunte da tutto il mondo. Diamo così un bel segnale per la ripartenza del comparto cinema, partendo dallo straordinario osservatorio privilegiato dell’isola d’Ischia».

Nella piazza d’Armi del castello, sono previste delle proiezioni che sarà possibile vedere solo su prenotazione sul portale www.ischiafilmfestivalonline.it. La sala sarà ovviamente ridimensionata nei posti, che dai 300 abituali passa a un numero massimo di 100 per rispettare l’obbligo del distanziamento. Inoltre, all’entrata verrà misurata la temperatura a tutti e, come da normativa sanitaria, chi dovesse averla superiore ai 37,5 gradi seguirà un percorso particolare di allontanamento e segnalazione alle strutture sanitarie.