Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Dopo sei stagioni al Napoli e un percorso di crescita che lo ha portato a diventare uno dei migliori difensori al mondo, ora il suo nome è da tempo nel mirino di diversi top club, ma Kalidou Koulibaly ha le idee chiare sul suo futuro. “Voglio restare a Napoli”, le parole rilasciate nell’intervista ai microfoni di Kiss Kiss Napoli del difensore senegalese. “Vincere a Napoli è speciale, per lo Scudetto vedremo la prossima stagione – ha continuato il difensore azzurro –. Sarebbe bello restare a vita ma non voglio illudere nessuno. Sono nel progetto, a fine stagione parlerò con la dirigenza. Ora testa al campo al 100%”. L’agente Ramadani ha incontrato Aurelio De Laurentiis a Capri, portando notizia di un sondaggio del Manchester City. Pep Guardiola vorrebbe puntare su Koulibaly per la prossima stagione, ma non sarebbe disposto a spendere gli 80 milioni che il presidente azzurro ha fissato come cifra per la cessione di uno dei suoi migliori giocatori.

Il difensore è tornato sugli episodi di Parma: “Non ho commesso alcun fallo da rigore su Kulusevski. Ho chiesto all’arbitro di guardare il Var. Ha ragione mister Gattuso, a volte ci manca la mentalità. Ma grazie ai suoi consigli miglioreremo anche sotto quest’aspetto. Con il Sassuolo gara giusta per testarci in vista del Barcellona. Abbiamo le nostre chance e non dovremo sbagliare con i blaugrana”. Poi su Osimhen: “L’ho sentito, mi ha chiesto del razzismo in Italia e a Napoli. Gli ho detto che a Napoli può star tranquillo, deve pensare positivo. Porte aperte per lui, vedrà che i tifosi azzurri sono fantastici”. Fine stagione: “Abbiamo tre partite da giocare per finire al meglio il campionato. Gare interessanti in vista del Barcellona. Ci faremo trovare pronti. Ha ragione mister Gattuso, a volte ci manca la mentalità. Ma grazie ai suoi consigli miglioreremo anche sotto quest’aspetto”.  Barcellona? Sarebbe importante batterli. Non dobbiamo avere timore perché poi dopo può succedere di tutto essendo gare secche. Dobbiamo provare a vincerla a Barcellona”.