- Pubblicità -
Tempo di lettura: < 1 minuto

È stato arrestato dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli, con la collaborazione di agenti della Polaria, Gennaro Manetta, 45enne napoletano sfuggito alla cattura durante l’operazione di due giorni fa che ha inferto un duro colpo al clan Contini che, secondo gli inquirenti si era nuovamente infiltrato nell’ospedale partenopeo San Giovanni Bosco.
Proprio Manetta, consigliere in una Municipalità del capoluogo, era diventato, sempre secondo gli investigatori una pedina fondamentale che curava tra l’altro gli interessi della famiglia malavitosa nel nosocomio partenopeo, anche nel reperire dall’ospedale un kit (guanti e tute, per esempio) che i killer dei Contini utilizzavano per gli agguati. Manetta era negli Stati Uniti ed è stato bloccato una volta atterrato all’aeroporto di Napoli Capodichino.

Leggi anche

VIDEO/ Le mani della camorra sulla gestione dell’ospedale, emesse 11 misure cautelari