Tempo di lettura: 2 minuti

“Italia Viva si presenterà alle elezioni regionali in Campania con la sua lista, una squadra forte, per garantire un buon governo a questa Regione”. L’annuncio del coordinatore nazionale del partitino di Matteo Renzi, Ettore Rosato, è una ottima notizia per il centrodestra. Italia viva, infatti, rappresenta una spina nel fianco per il centrosinistra, e in particolare per il presidente uscente, Vincenzo De Luca

Il deputato Gennaro Migliore, leader campano del partito, che già in precedenza aveva espresso perplessità sulla ricandidatura di De Luca, anche oggi ha messo i bastoni tra le ruote al centrosinistra regionale: “Il candidato in Campania? Noi vorremmo che fosse espressione della possibilità più concreta di vittoria”, ha detto Migliore. Che Rosato in particolare sia animato da una fortissima ostilità nei confronti di De Luca, è cosa nota. Che Italia viva, a Napoli e in Campania, stia assumendo posizioni politiche ambigue, che stanno facendo letteralmente scappare dal partito la maggior parte degli attivisti, è un dato di fatto.

Stamattina la ciliegina sulla torta: la presentazione in pompa magna del nuovo acquisto, in termini politici, di Italia viva: il consigliere comunale Carmine Sgambati, grande sostenitore di Luigi De Magistris. Sgambati, negli anni scorsi, ha aspramente criticato (a volte insultato) Renzi e i propri familiari. Nell’ottobre 2016 Sgambati pubblicò su Facebook una foto di Renzi e della consorte, e scrisse: “Basta sparlare della moglie di Renzi per aver accompagnato il marito in America. Cosa volete sapere? Se in classe sua è stata chiamata una supplente? I permessi 104”, aggiunse Sgambati, “sono un atto di civiltà!”. I “permessi 104” sono concessi a chi si assenta dal posto di lavoro di lavoro utilizzando la legge che tutela il lavoratore che abbia dei congiunti gravemente ammalati.

Il 1 aprile 2016, un altro post: “Abbiamo perso il conto. Gli scandali di questo governo, ormai, non si contano più! Il padre della Boschi, il padre di Renzi, il fidanzato della ministra, 83 consiglieri indagati, sindaci che rubano, vicesindaco che viene arrestato per rapina , le primarie truccate, l’aereo del premier, leggi ad personam per salvare le banche, riforma mai attuate, tagli alle pensioni, licenziati ovunque, lo spettro della recessione”, aggiungeva Sgambati, “non se ne può più!!!”.

“Risponderò con i fatti”, ha evidenziato Sgambati a chi gli ricordava le pesanti critiche a Renzi, “e non con i post scritti per prendere qualche like in più”. Dunque, possiamo dire che da oggi la Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia hanno un alleato in più per conquistare la Campania: Italia viva.