Tempo di lettura: < 1 minuto

Si stava separando dalla moglie l’uomo di 35 anni che questa mattina, poco dopo mezzogiorno, ha lanciato dal secondo piano la figlia di 16 mesi, uccidendola sul colpo, prima di tentare il suicidio e gettarsi nel vuoto. Adesso è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Cardarelli di Napoli. 

La tragedia è avvenuta in una abitazione di via Cozzolino 117 a San Gennaro Vesuviano, comune in provincia di Napoli, dove vive la suocero dell’uomo. Secondo una prima ricostruzione, la coppia, residente a Caserta, ha avuto un acceso litigio domenica sera. Poi questa mattina la tragedia consumatasi nell’abitazione della suocera della donna. Non è ancora chiaro se quest’ultima si trovasse o meno in casa. 

In queste ore i carabinieri stanno ascoltando i familiari proprio per far luce sulle cause che hanno portato l’uomo a compiere un gesto così estremo, dettato probabilmente dalla fine della relazione con la moglie. Una tragedia che ha sconvolto i parenti della piccola radunatisi poco dopo nei pressi dell’abitazione di via Cozzolino.