- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

La storia di Napoli raccontata attraverso più di 100 figuranti in costumi d’epoca sfilati fra le serre dell’Orto Botanico accompagnati da una voce narrante e, alla fine, da brani musicali e danze. Questa la manifestazione ‘Da Partenope…a noi’, un viaggio nel tempo organizzato, nella rassegna del Maggio dei Monumenti, dall’associazione di promozione sociale ‘O ‘Nciucio e dall’Istituto IISS ‘Leonardo da Vinci’, guidato dalla dirigente scolastica Giulia Urciuolo, con il sostegno di Università Federico II, Regione Campanai e Comune di Napoli. I costumi d’epoca sono stati ricreati fedelmente da studenti e da volontari con la direzione della professoressa Laura Varriale. Filo conduttore è stata “La narrazione di Cesare Carmignano” (con la voce narrante della stessa Varriale) che ha accompagnato gli ospiti in lungo percorso: dalla Napoli Greco-Romana al Medioevo, dall’epopea napoleonica al Risorgimento fino alle soglie della prima guerra mondiale e al fenomeno dell’emigrazione verso le Americhe. “Un tuffo nel passato – ha detto Varriale, animatrice della kermesse – che non è stato solo un omaggio alla storia, ma anche un’occasione per celebrare l’identità culturale di Napoli. La diversità dei partecipanti, in termini di età e background sociale, riflette l’impegno della comunità nel preservare e valorizzare il proprio patrimonio culturale”. Coinvolti nell’evento diverse organizzazioni come ACLI Beni Culturali e Filitalia International (Chapter di Napoli). L’Associazione Passi e Note ha contribuito con i propri danzatori guidati dalla coreografa Carmen Buonocore. Sostegno anche da LIONS club Partenope Palazzo Reale e Lupi del Sud. Il ‘teatro vivente’ si è svolto negli spazi antistanti la Serra Monumentale ‘Aldo Merola’ dell’Orto Botanico con lo sguardo incuriosito di visitatori e turisti. “Visto il successo dell’iniziativa – conclude Laura Varriale – stiamo valutando di ripetere la manifestazione nelle prossime settimane confidando nella buona volontà dei tanti volontari coinvolti”.