Tempo di lettura: 2 minuti

Pozzuoli (Na) – “In questi giorni ho assistito al teatrino delle banalità, con considerazioni e pseudo-accuse elargite senza cognizione di causa. Quanto accaduto a Pozzuoli con gli allagamenti di alcune strade e gli accumuli di fanghi e detriti sono fenomeni riconducibili esclusivamente alla eccezionale quantità di pioggia caduta in pochissimo tempo. Fatti che accadono sempre più frequentemente un po’ ovunque, e non lo scopro io, a causa di queste variazioni climatiche che funestano le condizioni meteo. Quando ciò si verifica non ci sono fogne o caditorie che tengono e che pure puliamo con regolarità e costanza. Lo dicono gli esperti, lo confermano gli aggiornamenti della Sala Operativa della Regione Campania e lo dimostrano i dati raccolti grazie alle postazioni pluviometriche che abbiamo installato di recente sul territorio comunale e che l’altro giorno ci hanno fatto passare alla fase operativa di attenzione per rischio idrogeologico. Non ci vuole molto a capirlo“. Lo dice il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia riferendo i dati giunti dalle tre stazioni pluviometriche della città e che calcolano la quantità di pioggia caduta al suolo. “Stando ai dati pluviometrici, nella giornata di martedì 5 ottobre i valori riscontrati tra le ore 16 e le 18:10 hanno determinato il passaggio alla fase operativa di attenzione. La quantità di pioggia ha raggiunto valori altissimi. A Cigliano, per esempio, in due ore circa sono caduti 81 millimetri di pioggia, che sono andati ad accumularsi alla quantità di acqua caduta fin dalla mattina superando abbondantemente la quota di 100 millimetri“, aggiunge.