Tempo di lettura: < 1 minuto

Napoli – “Qui le scuole sono chiuse ma poi c’è sempre gente in strada e non si conclude nulla. I bambini stanno soffrendo e noi vogliamo fare qualcosa di buono. Abbiamo fatto tanti sacrifici in questi mesi senza ottenere nulla”. È il grido delle mamme No Dad che questo pomeriggio, in collegamento a Pomeriggio 5, si sono riunite in piazza Municipio a Napoli per protestare contro la chiusura delle scuole in Campania fino al prossimo 14 marzo. 

La madre di un bambino affetto da autismo ha spiegato che si trova “in enorme difficoltà. Qui la scuola non ha mai riaperto, tranne qualche piccola parentesi. Ho fatto ripetere l’anno a mio figlio per permettergli di studiare – ha spiegato – e invece neanche quest’anno posso portarlo a scuola. Non sappiamo come dobbiamo andare avanti”. 

La d’Urso si è subito mostrata solidale con i genitori campani: “Vi comprendo, è difficile. Ma presto sicuramente chiuderanno le scuole anche nelle altre regioni d’Italia”. “Noi siamo l’anomalia nazionale” ha risposto un’altra mamma. “La Regione Campania ha tenuto le scuole chiuse come se fossero rubinetti dell’acqua. Ci sentiamo burattini. I nostri bambini non stanno bene psicologicamente. Vogliamo tutelare il diritto all’istruzione “.