Tempo di lettura: 2 minuti

Torre Annunziata (Na) – “È una partita, come del resto tutte le altre, da preparare con la massima attenzione, cercando di correggere i nostri errori. Ciò perché dobbiamo pensare, principalmente, a noi. Il Marsala sa il fatto suo, è alla ricerca dei 3 punti come noi.

Errori arbitrali? Sbagliano in Serie A, figuriamoci nelle categorie più basse. Non entro in altri discorsi. Credo che, a fine anno, gli errori dovrebbero compensarsi. Bisogna essere più forti degli errori che, secondo noi, vengono commessi. Bisogna essere forti prima mentalmente e poi nelle gambe. Quella di domenica è una trasferta insidiosa: c’è rispetto per gli avversari, ma anche la consapevolezza di non voler ripetere gli stessi errori e di essere più propositivi.

Attaccanti? Non cerco alibi, i ragazzi faranno in modo di accontentare chi dice che sbagliamo tanto sotto porta: ci mettono impegno e le cose arrivano solo se ce le andiamo a prendere.

Tourè? Impressioni positive, nonostante abbia svolto un allenamento e mezzo con noi, abbiamo lavorato su alcune cose da migliorare. È un’altra freccia giovane che abbiamo nel nostro arco.

Due punte? Sulla carta viene spontaneo dire che ho 6-7 attaccanti e devo sfruttarne il più possibile. Non è detto, però, che sia così: bisogna trovare il giusto equilibrio. Sono cose da provare in partita. Domani mattina abbiamo la rifinitura e decideremo i primi undici leoni che dovranno fare in modo di tornare a casa con la prestazione ed i punti”.