Tempo di lettura: 2 minuti

Si è svolta oggi nella sala dei Baroni del Maschio Angioino la cerimonia di premiazione  del progetto “Viaggio Lib(e)ro” promosso dalla commissione consiliare Scuola, presieduta da Luigi Felaco, in collaborazione con Graus editore, per promuovere percorsi di lettura e di approfondimento di testi narrativi all’interno delle scuole.

Ai duecentocinquanta studenti di dieci istituti superiori napoletani che hanno aderito all’iniziativa – Nazareth, Mazzini, Nitti, Cuoco-Campanella, Vittorio Emanuele, Moscati, Siani, Flacco, Galilei, Manzoni – il presidente Felaco ha evidenziato la bellezza e l’importanza di mettersi nei panni dell’altro attraverso la lettura, il più importante mezzo per sviluppare un pensiero critico ed un punto di vista diverso sul mondo.

La lettura insegna il rispetto delle idee degli altri e la difesa delle proprie, ha detto il Sindaco Luigi de Magistris agli studenti, invitandoli a lottare per essere sempre persone libere. Citando le parole di Giovanni Falcone, il Sindaco ha messo l’accento sulla cultura come arma di riscatto di un popolo e come strumento di contrasto alle mafie. L’assessora ai Giovani Alessandra Clemente ha insistito sulla passione quale strada vincente per raggiungere ogni traguardo, ha illustrato l’importante lavoro che l’assessorato – una istituzione aperta all’ascolto e al confronto con i giovani – sta svolgendo per il recupero dei beni confiscati alla criminalità organizzata, luoghi dai quali la cultura è stata assente per anni e che ora vengono restituiti alla collettività. Per l’assessora all’Istruzione Annamaria Palmieri il libro deve essere prima di tutto una scoperta positiva, è importante quindi che la cultura della scuola vada di pari passo con la cultura del libro.

Nel corso della cerimonia sono intervenuti l’ideatrice del progetto, la professoressa Angela Procaccini, l’editore Piero Graus, un rappresentante di Radio Punto Nuovo che ha sostenuto l’iniziativa e diversi docenti e alunni coinvolti nel progetto. Al primo posto, pari merito, si sono classificati i lavori degli istituti Francesco Saverio Nitti e Cuoco-Campanella.