Tempo di lettura: 2 minuti

Castellammare di Stabia (Na) – Un barlume di speranza per i lavoratori della Meridbulloni di Castellammare. Alessandro Vescovini, titolare dell’omonimo gruppo, ha ribadito la volontà di rilevare il sito produttivo e di investire “7-8 milioni sul territorio “appena Regione, Comune e Mise renderanno disponibile un immobile per l’ installazione dei nuovi macchinari“.

Purtroppo però, Vescovini ha ribadito che non sarà possibile l’assunzione di tutti gli 80 lavoratori che prestavano servizio presso la Meridbulloni.

Cominciamo a lavorare ed a produrre utili – ha detto l’ imprenditore nel corso di un colloquio con i lavoratori – e in base a questi la platea delle maestranze potrà allargarsi“.

Vescovini ha anche parlato con i dipendenti che gli hanno chiesto quanto tempo durerà la formazione professionale che si terrà a Monfalcone, in provincia di Gorizia.

Penso che molti di voi hanno già la professionalità per stare ai macchinari che installeremo e che in un mese e mezzo potreste essere già pronti- ha detto l’imprenditore –. Ma se non porto qua i macchinari, il che dipende dall’immobile che troveranno le istituzioni, come faccio a dirvi quando tornerete qui?”.

La tabella di marcia prevede una lettera d’intenti entro 15 giorni che coinvolga nuova proprietà, Comune, Regione Campania, Mise e sindacati. Parallelamente si procederà alla costituzione di una nuova società.