Tempo di lettura: 2 minuti

Sorrento – A presentare il match di sabato tra Sorrento e Taranto, in casa rossonera, è l’ex di turno, Adriano Mezavilla rientrante dopo il turno di squalifica scontato domenica scorsa ad Andria: “Da martedì stiamo preparando al meglio questa sfida con il Taranto e finalmente stiamo osservando una settimana-tipo per gli allenamenti. Una cosa che non siamo riusciti a fare nell’ultimo mese, avendo affrontato sempre impegni infrasettimanali”.

TOUR DE FORCE: “Post Covid, con pochi allenamenti nelle gambe, abbiamo giocato sei partite ravvicinate, in effetti ogni tre giorni ed è stato un periodo molto impegnativo. Col passare delle settimane e giocando con regolarità abbiamo ripreso la condizione ed ora possiamo dire che va meglio”.

ANTICIPO AL SABATO: “Una scelta sensata poiché sia noi che il Taranto saremo impegnati mercoledì prossimo in una gara di recupero. Noi giocheremo di nuovo in casa contro la Puteolana ma ci penseremo da sabato sera, in questo momento i nostri pensieri sono tutti sulla partita di sabato pomeriggio contro un avversario davvero forte”.

IL TARANTO: “All’andata soffrimmo tanto ma riuscimmo a spuntarla. Hanno tanta qualità e calciatori di valore assoluto per la categoria molto. E’ scontato dire che si tratta di una partita molto difficile in cui servirà la miglior prestazione possibile”.

LA GARA: “Lo spirito è ottimo ma dovremo dare il 100% sia a livello mentale che fisico. Veniamo da un periodo negativo per quanto riguarda i risultati e dobbiamo cercare di voltare pagina il prima possibile”.

IL CAMPIONATO: “E’ un girone livellato vista la poca distanza tra le varie formazioni. Si può vincere e perdere con chiunque. Non vedo una squadra ammazza-campionato e bisogna stare sempre attenti anche con le squadre che ora si ritrovano in una posizione deficitaria in classifica. Una variabile che sta contraddistinguendo in maniera determinante il campionato è il Covid, sta condizionando in maniera imprevedibile l’andamento di molte squadre”.

EX DI TURNO: “A Taranto sono stato pochissimo: appena sei mesi e sento questa partita nel modo giusto, senza eccessi. Per me è una partita normale, non avrò emozioni particolari”.