Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Il Comune di Napoli lancia la campagna di sensibilizzazione ‘Yet a Mask!’ finalizzata all’educazione per il corretto conferimento dei rifiuti plastici e in particolar modo delle mascherine di protezione, utilizzate per contrastare la pandemia da covid.

La campagna vuole essere espressione della cittadinanza attiva e responsabile con azioni mirate all’insegna della sostenibilità ambientale e dell’up cycling. Si parte domenica dalle ore 11:00 alle ore 18:00 in due punti strategici della città: Rotonda Diaz e piazza Trieste e Trento, quest’ultimo presidio sarà nella zona antistante il Palazzo Reale. Nell’ambito dello svolgimento della delega al “Made in Naples” e coerentemente con le attività del Tavolo per il city brand “We are Napoli”, l’assessorato alle Politiche del Lavoro, l’assessorato all’Ambiente e l’assessorato al Trasporto pubblico promuovono la giornata di sensibilizzazione ed educazione ambientale, in collaborazione con ASIA Napoli S.p.A. e in sinergia con il Tavolo “We are Napoli”, presieduto da Antonella Di Pietro, e l’associazione “N’Sea Yet”.

“Il riciclo è un punto fondamentale per sovvertire l’impatto ambientale dei rifiuti – dicono gli assessori Pagano,. Del Giudice e Gaudini – Inoltre, riciclare crea opportunità economica e benefici al sistema ambiente, maggiore è il recupero, minore è l’impatto ambientale con emissioni ridotte dei gas serra. É necessario riaffermare questa idea, renderla alla portata di tutte e tutti e creare maggiore consapevolezza. Uno dei pilastri fondamentali del city brand We Are Napoli è appunto la sostenibilità, amare la nostra città significa non compromettere il suo futuro!”. Le persone potranno consegnare plastica e mascherine usate recandosi presso gli stand adibiti al ritiro. I rifiuti conferiti verranno pesati e in base alla quantità raccolta ci sarà la possibilità di vincere simpatici premi eco-friendly. L’amministrazione sottolinea che tutte le attività si svolgeranno ‘‘in sicurezza e nel pieno rispetto delle norme e delle misure di contenimento del Sars-Cov-2”.