Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – La città di Napoli si sta convertendo all’ecosostenibilità e lo dimostra la decisione di mettere a disposizione dei cittadini il servizio di Car Sharing con Amicar.

Il progetto, promosso dal gruppo Gesco, è stato presentato il 10 giugno in piazza del Gesù dal presidente del gruppo Sergio D’Angelo e da Marisa Laurito, madrina d’eccezione per l’evento.

Il servizio di car sharing si configura come un’alternativa all’uso dell’auto privata, del taxi o dei mezzi pubblici. Le auto elettriche con zero emissioni pronte per l’utilizzo saranno 50, modello Peugot 208, e diventeranno 80 entro la primavera del 2021.

Utilizzarle sarà semplicissimo, occorrerà prenotarle tramite l’App scaricabile gratuitamente dal sito www.amicarnapoli.it e il gioco è fatto.

Oltre che rappresentare un vantaggio ambientale, l’utilizzo di queste auto porterà anche altri vantaggi per il cittadino: parcheggio gratis sia nelle aree con le con le strisce blu sia nei parcheggi convenzionati, circolazione nelle zone ZTL e nelle corsie preferenziali e sicurezza per la salute garantita dalla sanificazione periodica e dall’obbligo di utilizzo di mascherine e guanti alla guida, oltre che da un disinfettante in dotazione a ciascuna autovettura.

L’iniziativa è sostenuta anche dalla Fondazione Con il Sud il cui presidente, Carlo Borgomeo ha commentato: “Questo progetto rappresenta un’opportunità per Napoli ed è significativo che nasca da un soggetto del non profit, inoltre – ha continuato Borgomeo – questo progetto investe il Fondo Sefea Impact, promosso dalla Fondazione Con il Sud, specializzato per accompagnare lo sviluppo di imprese sociali e imprese che puntano a declinare concretamente il valore della sostenibilità”.

Immancabile anche il commento della madrina dell’evento, Marisa Laurito che ha affermato: “Ho un’auto elettrica e ne conosco i vantaggi, non inquina e rende la vita più facile: parcheggi dove vuoi, non paghi il bollo, rispetti l’ambiente, puoi parcheggiare sulle strisce blu senza pagare, e viaggi in silenzio, come quando si va in barca a vela”.