Tempo di lettura: < 1 minuto

Un esperto informatico napoletano di 39 anni è indagato dalla Procura di Catania per adescamento, accesso abuso a sistema informatico e sostituzione di persona.

L’uomo a quanto pare usava le sue conoscenze per adescare giovani minorenni rubando i profili facebook. Secondo l’accusa, avrebbe sottratto il profilo Facebook ad una donna e ne avrebbe creato un altro falso a nome della figlia minorenne di quest’ultima che utilizzava per adescare numerose minorenni di 12-13 anni.

Si tratta quindi di ragazzine molto giovani a cui chiedeva foto e racconti intimi. L’indagine è stata avviata dopo la denuncia della donna alla Polizia Postale di Catania. L’uomo, secondo la ricostruzione della Procura di Catania, avrebbe anche contattato alcune amiche adulte della donna.

Utilizzava la scusa di parlare di problematiche adolescenziali delle figlie minorenni. Avrebbe tentato di ottenere altre foto e dettagli intimi. Anche un’altra amica della donna avrebbe, nel frattempo, subito il furto del suo profilo Fb. Durante una perquisizione domiciliare eseguita dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni disposta dalla Procura di Catania stati sequestrati dispositivi informatici che, secondo l’accusa, hanno confermato le responsabilità dell’indagato. Proseguiranno dunque le indagini