Tempo di lettura: 1 minuto

Napoli – Un uomo, proveniente dalla provincia di Hubei, si era recato all’ospedale Cardarelli di Napoli dopo otto giorni di sintomi tra febbre, diarrea e polmonite. I medici, insospettiti dal possibile caso di Coronavirus l’hanno prontamente trasferito al Cotugno per un ricovero. Il nosocomio napoletano sta lavorando per capire le cause dei sintomi del paziente, ora in isolamento.

Il nostro ospedale è il più importante del Sud per le malattie infettive – ha detto Maurizio Di Mauro, direttore generale della struttura ospedaliera – siamo pienamente in grado di gestire la situazione anche da soli. Abbiamo due stanze di isolamento e siamo assolutamente pronti ad affrontare qualsiasi emergenza. Siamo un pronto soccorso attivo 24 ore al giorno e ci sono tante persone che chiedono informazioni. L’utilizzo della mascherina? E’ eccessivo. Bisognerebbe entrare in contatto con una persona contagiata per circa 14 giorni per far sì che il virus si diffonda. Parliamo di un virus per cui non esiste un vaccino, per questo c’è la possibilità anche di decesso“.