Tempo di lettura: 3 minuti

Napoli – Gli azzurri di Gattuso dopo la sconfitta a tavolino contro la Juventus, tornano alla vittoria in campionato, con un perentorio 4-0 contro l’Atalanta al San Paolo. Primo tempo show del Napoli: al 23′ sblocca Lozano che, scatenato, trova il bis pochi minuti dopo. Al 30′ capolavoro di Politano e nel finale della prima frazione primo gol in A per Osimhen. Nella ripresa gol della bandiera per l’Atalanta con Lammers.

Partita – Gasperini ritrova Ilicic titolare, con Gomez dietro a Zapata. Gattuso lancia Bakayoko, al debutto, e conferma il 4-2-3-1 con Osimhen di punta. Il Napoli domina dall’inizio alla fine contro i bergamaschi, e fin dai primi minuti di gioco i partenopei mettono sotto gli ospiti, sfiorando più volte il gol. Rete che arriva inesorabilmente con Lozano al 23’, il messicano viene imbeccato da Politano con un bel passaggio dall’out di destra verso il centro, e di prima intenzione di destro batte Sportiello. Dopo il vantaggio gli azzurri continuano ad attaccare sfiorando più volte il raddoppio. Secondo gol che arriva ancora una volta con Lozano  che con un gran destro a giro di interno dal centro sinistra, sui 20 metri, diretto sul secondo palo batte l’estremo difensore bergamasco e fissa il risultato sul 2-0. Al 30′ arriva anche il tris  grazie a Politano che calcia col mancino dal limite, leggermente decentrato sulla destra e la palla si infila alta sul primo palo. Tre gol in sette minuti. Atalanta irriconoscibile: tanti errori difensivi e tanta difficoltà nel creare gioco. Il Napoli è scatenato e non si ferma. Ancora un errore dei difensori dell’Atalanta nel tempo dello stacco su rinvio di Ospina e questa volta chi ci guadagna è Osimhen che calcia dai 20-25 metri e trova Sportiello in netto ritardo, con la palla che si infila nell’angolo basso alla sua destra. Il 21enne attaccante nigeriano ha trovato il suo primo gol in Serie A prima dell’intervallo del match del San Paolo. Bellissimo l’abbraccio con Gattuso dopo l’esultanza coi compagni.  Nella ripresa Atalanta in campo col 442: Toloi e Mojica terzini, centrali Romero e Djimsiti. Esterni Depaoli e Gosens, con De Roon e Pasalic in mezzo. Davanti dentro anche Lammers ed è proprio quest’ultimo ad accorciare le distanze. Grande giocata di Romero che vince due rimpalli e trasforma l’azione da difensiva in offensiva, lanciando poi l’olandese solo contro Ospina che non può nulla per evitare la rete. Un minuto dopo la rete dell’1-4 altro tiro Atalanta con Malinovskyi, da fuori e fuori di poco. 

NAPOLI-ATALANTA 4-1

Marcatori: 23′ e 27′ Lozano (N), 30′ Politano (N), 43′ Osimhen (N), 69′ Lammers (A).

Napoli (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj; Fabian Ruiz (83′ Demme), Bakayoko (75′ Malcuit); Politano (61′ Ghoulam), Mertens (75′ Lobotka), Lozano; Osimhen (83′ Petagna). All. Gattuso.

Atalanta (3-4-2-1): Sportiello; Toloi, Romero, Palomino (46′ Djimsiti); Depaoli, De Roon, Pasalic, Gosens (81′ Muriel); Ilicic (63′ Malinovskyi), Gomez (55′ Lammers); D. Zapata (46′ Mojica). All. Gasperini.

Ammoniti: Toloi (A), Gosens (A), Lozano (N), Djimsiti (A).

Arbitro: Di Bello di Brindisi.

Var: Nasca.