Tempo di lettura: < 1 minuto

Napoli – L’inizio del mese di giugno segnerà, questo 2020, anche un nuovo inizio per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli che, martedì 2 giugno, darà il via alla sua programmazione.

Nonostante la possibilità di riaprire le porte del Mann il 18 aprile, il direttore toscano Paolo Giulierini, ha deciso di essere prudente.

Lo scopo è duplice, da un lato quello di offrire ai visitatori un percorso artistico in sicurezza facendo in modo che il pubblico possa godersi la visita senza angosce o paure e dall’altro quello di permettere al personale di riprendere le proprie mansioni.

La strategia di rilancio pensata dal direttore vede la partnership con quattro importanti musei giapponesi: il Museo Nazionale di Tokyo, il Museo d’Arte di Kyoto, il Museo di Sendai e quello di Fukuoka proponendo sentieri di approccio alla cultura e alla società nipponiche fuori dagli schemi stereotipati.

La notizia di questa collaborazione è stata diffusa da un video di approfondimento su «Il Giappone al Mann – Il Mann in Giappone», realizzato dall’Associazione partenopea L’Altro Giappone.

Non resta dunque che prepararsi a questa full immersion artistica in stile orientale.

Di Alessia Capone