Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – “La Dama di Picche” di Petr Cajkovskij apre la stagione lirica del Teatro San Carlo di Napoli, gremito in ogni ordine di posto per ammirare per la prima volta in Italia l’opera del regista tedesco Willy Decker, ripreso da Stefan Heinrichs, una produzione della Staatsoper di Amburgo.

Presenti l’attuale soprintendente Rosanna Purchia che dopo 10 anni lascerà la direzione la prossima primavera a Ste’phane Lissner, già direttore artistico dell’Opera di Parigi. In scena l’atmosfera del dramma, un opera di amore e morte, una tragedia moderna ispirata al racconto omonimo di Puskin. I protagonisti sono in uno spazio cupo, nero e claustrofobico disegnato insieme ai costumi da Wolfgang Gussmann.  

Tra i presenti gli ex ministri Maria Elena Boschi e Paola Severino, il procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero de Raho, Bertrand du Vignaud, presidente del World monuments found Europe, il principe Camillo Aldobrandini, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris (anche presidente della Fondazione del San Carlo), il deputato ed ex sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore, il prefetto Carmela Pagano e i massimi esponenti cittadini delle forze dell’ordine.

La prima del San Carlo era stata anticipata dalle polemiche, prima della soprintendente Purchia, poi del sindaco de Magistris, in merito alla mancata diretta Rai a differenza di quanto accaduto alla Scala di Milano con la “Tosca”.