Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – “Alla fine del primo tempo, si tenta sempre di dire qualcosa, diventano fondamentali le reazioni dei calciatori, nessuno ti regala niente, se non fai qualcosa di diverso si continua come si inizia”. Queste le parole di Luciano Spalletti ai microfoni di Dazn dopo la vittorio del Napoli contro la Juve.

“Nel secondo tempo abbiamo fatto qualcosa in più – continua l’allenatore toscano – , costruivamo a tre e qualche sbocco l’abbiamo trovato. La pressione, in generale, ha determinato gli errori, sia da parte nostra che da parte della Juve, dove ho sentito dire che si recrimina che ci sono stati errori individuali. Koulibaly? Tutti lo vedono, è una roba da dover vedere da vicino, mette sempre 2 0 3 punti in più degli altri, passa davanti a tutto, è il comandante della squadra per la personalità, è un grande uomo. Manolas ha detto che siamo fortissimi? Bisogna farlo vedere. Ho trovato una squadra che vuole andare a giocare, si vuole confrontare. La Juve abbassava l’attaccante e non rimaneva spazio, ma a inizio ripresa abbiamo cambiato e gli abbiamo messo fastidio. Possiamo fare ancora meglio. Non è stata una vittoria nettissima ma abbiamo meritato di vincere. Anguissa è fondamentale ci dà una completezza che non avevamo, io devo dare qualcosa di più a questa squadra, Gattuso aveva già fatto un buon lavoro, ma c’è da migliorare in personalità. Ho un gruppo eccezionale”