Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Gli artisti ci hanno tenuto compagnia durante il lockdown. Grazie alle loro produzioni cinematografiche e teatrali, alle loro canzoni e alla loro musica, non ci siamo sentiti soli e abbiamo avuto la possibilità di scollegarci, anche se per poco, dalla pandemia che si diffondeva fuori la nostra finestra.

Eppure il settore artistico è stato uno dei più colpiti dall’emergenza economica seguita a quella sanitaria e la ripresa per ballerini, attori, cantanti, musicisti è difficile.

Il Comune di Napoli, dunque, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo, per supportare il comparto dello spettacolo dal vivo, ha deciso di destinare alcuni spazi civici per le prove delle compagnie di teatro e di danza e per i gruppi musicali che ne faranno richiesta.

Il Bando di partecipazione (clicca QUI per leggerlo) dovrà essere compilato e consegnato entro le ore 12.00 di venerdì 26 giugno. Successivamente le richieste saranno esaminate dall’Amministrazione Comunale che procederà alla redazione di un calendario delle attività per i singoli spazi.

Le prove di teatro, musica e danza inizieranno mercoledì 1 luglio, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00. Gli spazi messi a disposizione sono:
Refettorio piccolo del Convento di San Domenico Maggiore (teatro e danza);
Sagrestia della Chiesa di San Severo al Pendino (musica);
Spazio comunale Piazza Forcella (teatro, musica, danza).

Potranno partecipare alla selezione persone, imprese, associazioni, enti, consorzi e fondazioni in forma singola o associata, operanti nel settore di riferimento e con esperienza documentata di progetti artistici realizzati nei settori individuati ed esplicitamente segnalata nel curriculum con preferenza per coloro che documentino l’oggettiva difficoltà nel recuperare spazi destinati alle attività in questione.

Coloro che saranno selezionati dovranno, poi, impegnarsi ad autosostenere la realizzazione delle prove nel rispetto delle misure specificate nell’allegato 9 del DPCM del 17 maggio 2020. Al termine del periodo di prova i soggetti potranno offrire una prova generale dello spettacolo alla cittadinanza da svolgersi nel sito utilizzato per le prove e da realizzarsi nel rispetto delle misure indicate nel succitato articolo.

I soggetti interessati dovranno indicare il luogo di preferenza, la tipologia di attività per la quale si candidano, precisando i giorni e l’orario di preferenza. Dovrà essere, altresì, indicato il numero di persone con relativa qualifica, che accederà alla struttura, e la strumentazione tecnica che verrà utilizzata.