Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Il comando provinciale della guardia di finanza di Napoli, nell’ambito dell’azione di contrasto all’economia illegale e sommersa, ha scoperto tre guide turistiche, tutte di origini campane, prive delle autorizzazioni necessarie per svolgere la professione. Insomma, erano a tutti gli effetti degli abusivi in quando non iscritti all’albo della Regione Campania.

In particolare, i controlli dei finanzieri del I Gruppo Napoli – secondo Nucleo Operativo Metropolitano – hanno interessato alcuni dei siti del capoluogo con la maggiore concentrazione turistica sia a livello nazionale che internazionale (via Duomo, via Toledo e le adiacenze dei poli museali) e si sono concentrati sulle guide turistiche, figure queste ultime che sempre più frequentemente accompagnano i crocieristi che sbarcano in questo periodo. Gli accertamenti delle fiamme gialle di San Giovanni a Teduccio hanno riguardato sia la verifica della sussistenza dei requisiti per l’esercizio della professione, sia del rapporto di collaborazione con le agenzie di viaggio e hanno permesso di sorprendere tre persone, completamente sprovviste di abilitazione, che fornivano informazioni a gruppi di turisti sulle bellezze architettoniche e paesaggistiche della città.

Nei confronti dei responsabili, che richiedevano a ogni gruppo di turisti una tariffa che andava da 50 a 100 euro per un itinerario della durata di circa 90 minuti, sono state contestate violazioni di natura amministrativa, come prevede la normativa regionale e saranno avviati accertamenti di natura fiscale volti a quantificare i compensi in “nero” dagli stessi percepiti. L’operazione di polizia economico-finanziaria portata a termine dalle fiamme gialle di Napoli è rivolta alla tutela del consumatore, delle guide turistiche regolarmente abilitate, nonché alla lotta all’evasione fiscale.