Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Nino D’Angelo fatica a trattenere l’emozione da quando ha scoperto che Jorit, dopo aver disegnato i volti di illustri personaggi internazionali, da Martin Luther King a Maradona, da Troisi a San Gennaro passando per Ascierto, George Floyd, Pasolini e Totò, ha deciso di dedicargli un murale.

Sarà il quartiere della periferia nordorientale di San Pietro a Patierno ad ospitare la nuova opera dello street artist che da sempre riempie le mura napoletane con i volti di personaggi che hanno fatto la storia di Napoli e del mondo.

A campa’ cu ‘a pacienza e’ ‘o chiu’ grande equilibrio pe chi po cade’”, canta Nino D’angelo con Maria Nazionale nella canzone “Jamm ja” e Jorit lo sa bene, infatti è proprio con questa semplice frase che annuncia la sua ultima opera disegnata proprio nel quartiere che ha visto nascere Gaetano D’Angelo diventato poi il Nino che tutti conosciamo oggi.

Non ci posso credere, ho le lacrime agli occhi. Il grande artista Jorit, che ha disegnato i volti di tanti eroi del nostro tempo in tutto il mondo, farà un murale dedicato a me proprio a San Pietro a Patierno, quartiere dove sono nato”, racconta emozionato Nino D’Angelo.

Sono stato sempre fiero di rappresentare questa gente che ha fatto dei propri sentimenti la sua grande ricchezza. Qui ho imparato che la fratellanza non è solo una parola, ma capire il bisogno di chi attorno a te vive male e ho abbracciato la comunità, quella vera, che mi ha insegnato l’importanza del vivere insieme, nel bene e nel male. L’adattarsi, il sapere di essere il migliore e accettare di non arrivare mai primo e che noi non saremo mai noi ma solo quello che gli “altri” vogliono che siamo. Il tempo che mi rimane mi piacerebbe spenderlo per costruire un esercito di intelligenze affinché anche gli ignoranti capiscano che la cultura è come l’aria: un diritto di tutti”, conclude il cantante partenopeo.