- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Notte di caos al centro storico di Napoli nelle strade limitrofe a piazza Bellini e piazza Dante, dove a farla da padrone erano i parcheggiatori abusivi che, indisturbati, taglieggiavano gli automobilisti. Blitz del deputato Francesco Emilio Borrelli, che ha effettuato un sopralluogo in zona “La notte di giovedì 7 dicembre, ha interrotto gli illeciti che si stavano consumando“, come è scritto in una nota. Poco più avanti, in via Bellini, il deputato si è trovato avanti a se un’auto che aveva imboccato la strada a tutta velocità e in contromano, paralizzando letteralmente il traffico.

L’uomo pretendeva di passare nonostante fosse in torto palese. Ripreso dal cellulare di Borrelli ha quindi deciso di fare retromarcia, non senza prima inveire per essere stato disturbato nella sua azione illegale. Alcuni cittadini hanno invece segnalato al deputato l’ennesima sosta selvaggia in via Broggia che ha bloccato il transito di un autobus Anm“, aggiunge la nota.

“Il centro storico di Napoli è ormai completamente abbandonato al caos. Bisogna intervenire con decisione e pugno duro per fermare l’anarchia dilagante che sta divorando la nostra città. Serve un presidio di forze dell’ordine costante se si vuole porre un freno a tutto questo, altrimenti parcheggiatori abusivi e pirati della strada la faranno sempre franca diffondendo un senso di impunita che spinge le persone a replicare questi comportamenti scellerati. Finalmente a piazza Dante è stato attivato un presidio di Polizia Municipale e le scorribande di giovani criminali, che sfrecciavano in sella agli scooter nell’area pedonale, sono cessate, a riprova che con una repressione asfissiante, rispondendo colpo su colpo, è possibile ripristinare la legalità.

Un presidio necessario anche in via Broggia, dove la perenne sosta selvaggia continua a bloccare gli autobus dell’Anm, con gravi disagi per i passeggeri e per la viabilità. Questa situazione è diventata insostenibile e bisogna porre rimedio al più presto”. Questo quanto dichiarato da Francesco Emilio Borrelli, deputato di Alleanza Verdi-Sinistra.