Tempo di lettura: < 1 minuto

“Vogliono chiarirsi, ci tengono molto a farlo”. Queste le parole dell’avvocato Domenico Paolella, legale (insieme a Giovanni Cantelli) della famiglia di Maria Paola Gaglione, la 18enne morta in un drammatico incidente stradale mentre era in scooter con il compagno trans Ciro ed era inseguita dal fratello Michele Antonio, attualmente in carcere con l’accusa di omicidio preterintenzionale aggravato dai motivi abietti e futili.

I genitori di Paola hanno annunciato una conferenza stampa in programma nella giornata di domani, giovedì 17 settembre, nel corso della quale chiariranno alcuni punti della tragica vicenda. La famiglia ha anche espresso la volontà di incontrare i rappresentanti dell’Arcigay che nei giorni scorsi avevano usato parole dure nei loro confronti. Un incontro per chiarire tutto dopo giorno di profondo dolore.