Orrori al Parco Verde: torna in carcere Marianna Fabozzi, compagna dell’orco di Fortuna

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna in carcere Marianna Fabozzi, la compagna di Raimondo Caputo condannato anche in Appello all’ergastolo per l’omicidio della piccola Fortuna Loffredo, la bimba di sei anni scaraventata dall’ottavo piano di una palazzina popolare dopo aver subito diversi abusi sessuali.

La 35enne del Parco Verde di Caivano (Napoli), già agli arresti domiciliari per concorso in abusi sessuali commessi su una delle tre figlie, ha ricevuto la visita dei carabinieri della locale tenenza che hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dall’ufficio esecuzioni penali della procura di Napoli.

Rigettato il ricorso presentato dai legati della donna, la Corte di Cassazione ha reso definitiva la sentenza secondo la quale Marianna Fabozzi dovrà scontare 10 anni di reclusione. La donna si trova ora nel carcere di Pozzuoli.  Arrestata, la donna è stata tradotta al carcere di Pozzuoli.

Fabozzi è anche la madre del piccolo Antonio Giglio, il bimbo di 3 anni morto in circostanze misteriose (anch’egli venne lanciato dai piani alti dello stesso palazzo) un anno prima del decesso di Fortuna, il 27 aprile del 2013.