Tempo di lettura: < 1 minuto

Napoli – A distanza di oltre 10 giorni dall’anomalo e pericoloso crollo all’ospedale del mare, iniziano finalmente i lavori”, così il deputato della Lega, Gianluca Cantalamessa“L’acqua calda tornerà tra un settimana, forse. Nei giorni scorsi, infatti, mentre l’inchiesta sulla voragine andava avanti, nell’ospedale erano emersi i problemi legati al freddo: prima coperte e stufe nelle stanze di degenza, poi il trasferimento dei pazienti verso altre strutture”, aggiunge Cantalamessa

Per l’acqua calda, a quanto apprendiamo da organi di stampa, si usano dei fornetti. In un Paese normale, tolti i sigilli, si sarebbe aperto il cantiere di notte per ovviare nel minor tempo possibile i problemi che tutto ciò può recare ad un ospedale ed in piena emergenza sanitaria. Ma De Luca con il lanciafiamme dov’è?“, conclude il deputato capogruppo in commissione antimafia.