Tempo di lettura: 2 minuti

Le pagelle di Juventus-Napoli

Meret 6 – Non può nulla sui gol di Cristiano Ronaldo e Dybala. Per il resto non ha grossi patemi d’animo. Ottima la parata su Chiesa anche se era in off-side.

Hysaj 5,5 – Partita ordinata sull’out di sinistra. Cerca di spingere ma non può farlo troppo, Cuadrado non gli lascia campo.

Dal minuto 76 Mario Rui s.v.

Rrahmani 6 – Tiene botta ad un attacco stellare. Anche lui non ha colpe sulle grandi giocate di Cr7 e Dybala.

Koulibaly 6,5 – Il migliore della retroguardia. Il portoghese è un osso duro ma il senegalese lo è ancora di più.

Di Lorenzo 6 – Anche lui come Hysaj gioca una partita ordinata. Non riesce a spingere troppo anche se dialoga bene con Lozano.

Demme 5 – Oggi l’anello debole del Napoli. Se la colpa dei gol non nasce dai difensori bisogna dire che la mediana invece si è lasciata imbucare troppe volte. Troppo facile per la Juventus arrivare nella metà campo partenopea.

Dal minuto 54 Osimhen 5,5 – Buono lo scambio con Insigne per liberare il suo destro al volo. Purtroppo però a parte questa giocata poco altro.

Fabian Ruiz 5,5 – Preferisce sicuramente avere meno compiti da incontrista e più da trequartista. La sua partita non è sufficiente anche se cerca di tanto in tanto la giocata.

Dal minuto 89 Petagna s.v.

Lozano 5,5 – Buono il rientro dal 1 minuto. Cerca con costanza il fondo. Lo trova però poche volte. Da migliorare l’intesa con Mertens.

Dal minuto 54 Politano 5,5 – Non riesce a cambiare volto alla partita dei suoi.

Zielinski 6,5 – Come al solito uno dei migliori del match. Al 45 gli viene negato un rigore solare. Mariani ha completamente sbagliato in quell’occasione. Per il resto, mette sempre in affanno la difesa bianconera ogni volta che ha la palla tra i piedi.

Insigne 5,5 – Dopo un filotto di ottime prestazioni poteva starci il calo. Cerca di dialogare bene con i compagni. Poco altro. Buffon gli nega l’1-1 da un tiro da distanza ravvicinata ma riesce a siglare il gol della speranza su rigore, ancora.

Mertens 5 – Tocca pochi palloni. Non ha grandi spazi e la difesa bianconera lo tiene a bada, stranamente, con troppa facilità.

Dal minuto 76 Elmas s.v.