Tempo di lettura: 2 minuti
Napoli – Da anni ormai i residenti dei Quartieri Spagnoli lottano contro gli incivili che usano dei paletti abusivi per tutelarsi un posto auto. Parliamo infatti di una delle zone più densamente abitate di Napoli dove il numero dei parcheggi disponibili sono ridotti all’osso.
 
Di tanto in tanto la polizia ha provveduto alla rimozione dei paletti. Me anche una settimana e gli incivili tornano sempre alla carica. Questa volta però l’intervento è stato più massiccio del solito. 
 
I paletti rimossi sono stati ben 156 e si spera che in questo modo sia stato lanciato un chiaro messaggio. Bisognerà attendere però un po’ di tempo per verificare che il tutto proceda verso il meglio e che non si ripetano atti del genere.
 
Queste le parole di Alessandra Clemente attraverso il proprio profilo facebook: “Rimossi 156 paletti abusivi nell’area dei quartieri spagnoli. Questi paletti abusivi sono uno dei simboli dell’arroganza imposta da chi si vuole credere più forte o più furbo sul bene comune. Il nostro lavoro non termina oggi, abbiamo deciso, oltre la rimozione di altarini e scritte anche in altri luoghi della città, di intervenire nelle stesse zone interessate sulla luce che manca, il marciapiede dissestato, il paletto abusivo al fine di far sentire vicina la presenza della istituzioni, così come nei Quartieri Spagnoli, dove tanti cittadini e la municipalità hanno segnalato e denunciato il fenomeno.
 
Piccole azioni di ripristino della legalità ma anche di sicurezza, fiducia nelle istituzioni e bellezza. Gli Agenti della Polizia Locale di Napoli appartenenti all’Unità Operativa Avvocata, in collaborazione con gli uomini del Commissariato Montecalvario della Polizia di Stato, e coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti nell’area dei Quartieri Spagnoli dove hanno provveduto a far rimuovere 156 paletti in ferro istallati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. Inoltre, nel corso delle operazioni, gli Agenti hanno rinvenuto e fatto prelevare otto carcasse di motoveicoli, tutti sprovvisti di targa e con telaio abraso.
Analoga attività proseguirà nei prossimi giorni”.