Tempo di lettura: 3 minuti

Napoli – Nel corso della riunione della commissione Ambiente l’assessore Ciro Borriello e la dirigente del servizio Verde della Città, Teresa Bastia, hanno illustrato il programma sulle aree verdi e le alberature da realizzare con i fondi della Città Metropolitana e del Patto per Napoli. Quindici milioni di euro da utilizzare per la sistemazione di tredici parchi cittadini, più un milione e mezzo per il solo parco della Marinella. Non sarà breve, però, il percorso per arrivare alla sistemazione definitiva, visto che tra progettazione e gara occorrerà più di un anno. Si comincia in questi giorni, con l’arrivo dei tecnici di supporto assegnati al servizio Verde, l’attività per realizzare lo studio di fattibilità necessario alla definizione e alla stima degli interventi. Analoga fase è in corso anche per i fondi assegnati dal Patto per Napoli e destinati a 5 aree verdi – Villa comunale, parco Virgiliano, villa comunale di Scampia, parco Falcone e Borsellino, parco Massimo Troisi – scelti tra quelle per le quali erano già state realizzate attività tecniche e studi. L’allarme, però, riguarda soprattutto il personale assegnato al verde. Sui vuoti negli organici di giardinieri, potatori e sorveglianti che, a partire da agosto, saranno creati dai pensionamenti, Borriello e la dirigente Bastia hanno chiarito che si tratta di carenze gravi che rientrano, però, nel quadro generale di criticità che accomuna anche altri settori dell’Amministrazione. Così, per scongiurare il rischio di chiusura in attesa di nuove assunzioni, si sta ragionando con la Napoli Servizi per destinare personale alla sorveglianza, e con i sindacati per l’assegnazione degli addetti alle fognature e delle unità di Lavoratori Socialmente Utili da stabilizzare. Nel frattempo, oltre che alla Napoli Servizi, si è chiesto aiuto alla sezione Chiaia della Polizia municipale per un’attività di supporto ai sorveglianti della Villa Comunale impegnati nella chiusura dei tredici varchi di accesso al parco. Infine, è partita la procedura di mobilità per quattro unità di agronomi che dovranno riempire il vuoto di organico che si creerà a partire da agosto. 
Il presidente Marco Gaudini ha ufficializzato la richiesta della commissione di destinare maggiori risorse alla sorveglianza in occasione della rimodulazione del contratto con la Napoli Servizi. Il consigliere Buono (Verdi-Sfasteriati) ha sollecitato azioni rapide rispetto ai fondi assegnati dalla Città Metropolitana e il coinvolgimento della commissione una volta che saranno pronti gli studi di fattibilità. Occorre accelerare, ha detto, perché alla progettazione seguirà la gara e poi i lavori, un tempo troppo lungo che rischia di protrarsi anche oltre la fine del mandato amministrativo. Il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha posto una serie di quesiti relativi alle modalità con cui sono stati affidati i fondi da parte della Città Metropolitana, alle risorse destinate a coprire la linea di attività della Napoli Servizi relativa al verde urbano e al motivo del mancato sopralluogo al parco Robinson, richiesto più di un anno fa. Il consigliere Venanzoni, infine, ha sollecitato una regolamentazione del verde cittadino per aprire all’intervento dei privati che vogliano finanziare attività di manutenzione e messa in sicurezza. In attesa di un regolamento, in via di definizione, l’assessore Borriello ha annunciato la pubblicazione di un avviso pubblico avente ad oggetto la manifestazione d’interesse per l’acquisizione di proposte di collaborazione fra cittadini e Amministrazione per la cura del verde urbano.