Tempo di lettura: 2 minuti

Discovering Wild Plants, propone un modo inusuale ed interessante per conoscere alcuni aspetti del nostro territorio: le passeggiate botaniche. Condotte da Roberto Vetromile, foraging teacher e ricercatore etnobotanico, sono tante le proposte in calendario, tra aprile e maggio.

Il ricercatore, da sempre appassionato di botanica, affascinato dalle piante riesce a trasformare questa passione in una professione: quella di foraging teacher. Il termine, preso in prestito dai paesi anglosassoni, dove questa figura esiste ed è riconosciuta già da molti anni, individua una persona che vi condurrà alla scoperta delle piante selvatiche, insegnandovi ad identificarle correttamente, descrivendo i loro usi tradizionali e raccontando gli aneddoti ad esse legati, prestando particolare attenzione alle piante alimurgiche ed alle relative modalità di raccolta e trasformazione in cucina.

La prossima Passeggiata Botanica è quella del 20 aprile, al Bosco di Capodimonte, per scoprire ed amare il misterioso e affascinante mondo delle piante selvatiche: passeggiate di riconoscimento, laboratori di cucina, workshop

Roberto Vetromile spiega che durante il percorso si imparerà a riconoscere le piante selvatiche utilizzando metodi semplici ed efficaci basati sullo studio e sull’osservazione di elementi quali le caratteristiche morfologiche e strutturali di fiori, foglie e frutti, l’habitat di crescita, le sensazioni tattili e gli odori.
Verranno descritte le proprietà organolettiche e nutrizionali delle erbe che incontreremo, i loro usi tradizionali e gli aneddoti ad esse legati, saranno illustrate le modalità e le regole per raccogliere in modo sicuro, sostenibile e nel pieno rispetto della natura.
Ci soffermeremo in particolare sulle piante commestibili, raccontando come trasformarle in cucina in piatti originali e gustosi, approfondendo la loro conoscenza ed evidenziando le differenze con eventuali piante tossiche simili, in modo da evitare spiacevoli confusioni. 
La prossime passeggiata è previste per il 25 aprile a Capo Miseno.

di Emanuela Zincone