Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Il film “Re minore” di Giuseppe Ferlito ha vinto a Napoli la seconda edizione del Premio Shinema mentre come miglior cortometraggio il riconoscimento è andato a “Una coppia” di Davide Petrosino. La manifestazione si è svolta nel Materdei Cineclub, cinema d’epoca diretto dal collezionista Alberto Bruno insieme con l’autore teatrale e cinematografico Vittorio Adinolfi.
Per la categoria “fuori concorso” riconoscimenti a La conversione di Giovanni Meola, L’amore oltre il tempo di Emanuele Pellecchia e Fishman di Spatarella e Rossi; Clarus di Michele Schiano. Nel corso della kermesse sono intervenuti diversi attori del film “E’ stata la mano di dio ” tra cui Carmen Pommella e Rossella di Lucca con il loro agente premiato dal festival Eugenio Piovosa. Numerosi i registi e i produttori che hanno partecipato alla serata che è stata condotta dall’attrice Giuditta Niccoli. Presente alla seconda edizione del Premio Shinema anche l’attore, uno dei volti di Un Posto al Sole, Giorgio Borghetti che ha presentato il cortometraggio “Capitan T – la condanna della consuetudine”.
Dedicato al cinema indipendente di ogni genere prodotto in Italia e all’estero, sottolineano gli organizzatori, “dopo il successo dello scorso anno, anche per questa edizione il Premio ha riunito i cineasti, offrendo loro l’opportunità di networking attraverso un calendario di eventi fatto di : convegni, mostre e soprattutto proiezioni”.
Nato durante la pandemia, da un’idea di Dina Ariniello (produttrice cinematografica) e Nicola Guarino (cineasta) il Premio Shinema ha come obiettivo principale quello di “dare spazio alla creatività degli autori cinematografici fortemente indipendenti e di portare la magia del cinema tra i vicoli della città di Napoli”. “Figlio della piattaforma shinema.club il Premio intende inoltre dare la giusta visibilità agli autori e ai produttori che autoproducono le proprie opere con grandi sforzi economici, di mezzi e di persone”. Durante i quattro giorni di proiezioni ed incontri, è stata celebrata anche l’epoca d’oro dei film di Napoli con una mostra di manifesti originali degli anni Cinquanta.