Tempo di lettura: < 1 minuto

Napoli – Nel centro storico della città, precisamente a Forcella, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, ha individuato una fabbrica clandestina per la produzione di mascherine contraffatte e non a norma.

In un locale di circa 50 metri quadri, padre, madre e figlia sono stati scoperti mentre erano intenti nella riproduzione di marchi noti, da “Chanel” a “Fendi”, da “Gucci” a “Nike”, posti su mascherine prodotte senza rispettare la normativa igienico sanitaria e senza l’autorizzazione ministeriale.

La famiglia, esperta in contraffazione, possedeva nell’opificio oltre 500 macchinari utili alla contraffazione e, sul posto, sono stati trovati anche altri capi d’abbigliamento falsi.

I tre truffatori, sono stati individuati perché rubavano l’energia elettrica della rete pubblica attraverso un allaccio abusivo realizzato mediante il sistema di “By – pass” (trucco del magnete) che permette di prelevare la corrente senza che i contatori rilevino il consumo.

La Guardia di Finanza di Napoli ha proceduto con il sequestro della merce contraffatta e ha denunciato per contraffazione, ricettazione e furto di energia elettrica la famiglia.