Tempo di lettura: 2 minuti

Varcaturo – (Na) – Si era invaghito da tempo e appena ha avuto l’occasione ha subito tentato un approccio poco ortodosso, ricevendo un secco rifiuto. Non contento, è ritornato poco dopo nel pub dove lei era a cena con un gruppo di amici e, armato di coltello e di una pistola a piombini, l’ha dapprima minacciata perché si era permessa di rifiutare le sue avance, poi l’ha scaraventata a terra.

Notte di ordinaria follia quella andata in scena tra sabato e domenica in un pub di Lago Patria, frazione del popoloso comune di Giugliano (Napoli). Protagonista un uomo di 44 anni denunciato dai carabinieri per violenza sessuale, tentata estorsione, lesioni personali e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.
L’aggressore, nonostante l’obbligo di presentazione ai carabinieri della stazione di Varcaturo per atti persecutori, ha avvicinato la donna, una 34enne che conosceva di vista e di cui si era invaghito, allungando le mani e scatenato la reazione infastidita della stessa.

In suo soccorso sono intervenuti gli amici che sono riusciti ad allontanare l’uomo. Quest’ultimo, non si è arreso ripresentandosi nel pub poco dopo armato di una pistola ad aria compressa e di un coltello. Si è avvicinato alla donna una seconda volta e, dopo averla minacciata perché si era ribellata alle sue avance, l’ha spinta a terra. Anche in questo frangente sono intervenuti gli amici della malcapitata i quali sono riusciti a fermare il soggetto e a disarmarlo non senza difficoltà.

A questo punto il 44enne alza la voce per le lesioni riportate nella colluttazione e tenta addirittura di estorcere al gruppo di ragazzi la cifra di 500 euro per starsi zitto e non denunciare. Altri clienti del pub nel frattempo avevano chiamato il 112, giunto dopo pochi minuti sul posto. L’uomo è stato bloccato e, dopo avergli sottratto e sequestrato la pistola ad aria compressa e il coltello, condotto in caserma.

Durante la perquisizione estesa alla sua abitazione, i militari hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro 100 pallini di acciaio per arma ad aria compressa. Il 44enne è stato denunciato: dovrà rispondere di violenza sessuale, tentata estorsione, lesioni personali e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.